PATATA all’inglese

patata tonno formaggioLa chiamo così perché è la copia di un piatto che ho assaggiato in un pub di Londra, vicino a Portobello Road mentre conversavo con un signore londinese che era stato a Roma subito dopo la guerra, almeno credo che abbia detto così… la birra unisce i popoli!

Si tratta di una patata lessa con tonno e formaggio fuso.

Ingredienti: patata, tonno, formaggio, microonde.

Procedimento: prendete una buona patata con la buccia, lavatela, massaggiatela con un po’ di sale (se volete anche con un pizzico di burro) e fatele un’incisione a croce profonda fino ad un dito dalla base. Cucinatela nel microonde coperta, tre minuti circa per ogni patata. Mettetela in un foglio di alluminio che le avvolgerete attorno per aiutarvi nel tenerla assieme, allargate le parti ed infilate nel solco quanto tonno potete, ben scolato mi raccomando. Alla fine coprite con un pezzetto di formaggio, spolverate abbondantemente di pepe e ripassate al microonde  nella funzione grill!

Servire calda assieme ad una buona birra.

PATATA all’ingleseultima modifica: 2013-03-15T09:00:00+00:00da fedesganzy
Reposta per primo quest’articolo

3 pensieri su “PATATA all’inglese

  1. Mi scusi signor Sganzy… Se nn ho il microonde posso venire da lei? 😀 Porto le patate e… La birra!
    Può consigliarmi un metodo alternativo al microonde..
    Sentitamente grazie!!
    Pikkio

  2. Metodo alternativo al Microonde? Ma è come domandare ad una donna se c’e’ un metodo alternativo allo shopping!!! Agghhh!
    Scherzi a parte, sicuramente puoi fare bollire la patata in acqua salata… ma la consistenza cambia e ti assicuro, anche il sapore.
    Ascolta il casalingo… acquista un microonde, mi ringrazierai!
    PS: attendo birra ghiacciata!!!!

  3. In attesa del microonde proverò cmq la ricetta… E intanto compro la birra 😉 quale preferisci?
    E quando avrai terminato quel progetto che ti ho affidato te ne porto quanta ne vuoi… Spero prima possibile 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *

*