risparmio LAVASTOVIGLIE

Ecco alcuni trucchetti per ridurre al minimo il costo di questo meraviglioso elettrodomestico:

  • Il detersivo in polvere si può sostituire con il Detersivo Fatto in Casa, economico, ecologico, ad impatto ambientale zero;
  • Il sale per lavastoviglie è inutile, usate sale normale non iodato primo prezzo. Avete notato che il sale per lavastoviglie costa letteralmente il doppio del sale normale? Beh, mi sono voluto togliere una curiosità sulla loro interscambiabilità, così ho scritto alla più grande casa di lavastoviglie italiana e mi hanno risposto raccomandando il sale specifico (e costoso) in quanto questo non conterrebbe alcune sostanze dannose per le resine del filtro decalcificante. Mentre stavo rimuginando sulla risposta ho caricato il serbatoio dell’addolcitore domestico (che usa resine a scambio ionico) con un intero sacco di sale specifico e mi cade l’occhio sulla scritta: “Sale alimentare”, in sostanza sale da cucina. Se lo usiamo per l’addolcitore perché non per la lavastoviglie??
  • Il brillantante può essere sostituito con aceto di vino bianco fa anche meglio perché non è un alcaloide del silicone;
  • Infine il risparmio di corrente maggiore: fermate ed aprite la lavastoviglie nell’ultima parte del ciclo, quella pausa silenziosa che dura circa venti minuti. Sapete la lavastoviglie cosa fa in quei venti minuti? Asciuga i piatti. Ci sono due metodi in fisica per asciugare un ambiente: arearlo (quindi aprire la lavastoviglie per far uscire il vapore) oppure innalzare la temperatura così tanto che l’aria possa contenere tutta l’umidità dei piatti. La prima non costa nulla e tuttalpiù vi richiede l’apertura di una finestra per qualche minuto, la seconda consuma il 40% di tutta la corrente consumata nel ciclo di lavaggio!!! Quindi orecchio al lavaggio, quando sentite sul finire del ciclo la pausa silenziosa, TAC, apertura della lavastoviglie e della finestra.

Ora quel terribile elettrodomestico succhiacorrente vi sarà un po’ più amico.

risparmio LAVASTOVIGLIEultima modifica: 2012-03-01T18:18:00+00:00da fedesganzy
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *

*